Per qualsiasi informazione chiamateci al numero 392 6994442 (anche whatsapp) - Rispondiamo da lunedì a venerdì dalle 08:00 alle 18:00

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

A cosa serve e l’importanza di un attivatore per cubicatura

12/02/2019

Tutti gli appassionati di car tuning sanno cosa significa personalizzare al meglio la propria auto o la moto. Sfrecciare — sempre rispettando i limiti del codice della strada — con un mezzo accattivante nei dettagli che la cubicatura aiuta a dare è tutta un’altra storia. E la cubicatura, chiamata in gergo anche dippatura, aiuta tantissimo in questo intento. Infatti, la cubicatura aiuta alla iper personalizzazione di ogni pezzo che si desidera: dai cerchi in lega passando per i finestrini. Ma non solo: anche le moto vengono personalizzate a seconda del gusto del pilota. E l’utilizzo dei prodotto adatti nel processo di dippatura è fondamentale.

A cosa serve l’attivatore per cubicatura

Tra gli elementi necessari per la dippatura abbiamo anzitutto necessità di una vasca adatta all’esigenza. La vasca è un elemento portante del processo di cubicatura perché a seconda del prodotto da personalizzare serve anche un certo spazio. Con la vasca, poi, servono altri prodotti: la pellicola, che è quella che diventerà un tutt’uno col pezzo da dippare; il primer; l’attivatore. Questo prodotto è basilare nella lavorazione che porta alla cubicatura. Infatti, l’attivatore per cubicatura è necessario affinché si avvii il processo di attivazione della pellicola finalizzato al trasferimento sul pezzo. L’attivatore è stato inventato appositamente perché non aggredisca i colori della pellicola scelta, resistente alle basse temperature e che non crei fastidiose problematiche anche in caso di umidità.

L’arte della cubicatura

Pensare che questa tecnica è nata trent’anni fa in Giappone è stupefacente. La cubicatura è ora una delle tecniche più sfruttate da chi desidera personalizzare i prodotti per auto, per moto, ma non solo: accessori come i caschi, oppure gli specchietti laterali delle auto si prestano benissimo a questo tipo di lavoro, non standardizzato nella scelta de colori e super ricercato. Le tecniche sono sempre migliorabili e anche il fai da te può essere un interessante modo di amare la propria auto. Certo è che affidare la cubicatura a chi lo fa da anni, come i tecnici di Carrozzeria Serena, permette di dormire sogni tranquilli. Anche i corsi proposti da cubicando.it sono perfetti per imparare quest’arte giapponese, entrata oramai a tutti gli effetti nei cuori dei car tuners.